Lifegate: compensiamo le emissioni di CO2 con impatto®

Per quanto il progetto “Energy Saving” ci permetta di ottimizzare i consumi e ridurre il nostro impatto ambientale, le emissioni di gas serra comunque sono parte di qualunque ciclo industriale.
Lifegate

Dal 2008, con soddisfazione, aderiamo a Impatto Zero®, il progetto di LifeGate che calcola, riduce e compensa le emissioni di CO2 generate da attività, prodotti, servizi ed eventi contribuendo alla creazione e alla tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo.

Abbiamo quindi reso a Impatto Zero®, progressivamente, i consumi generati dell’attività del laboratorio di Via Palmanova 69. Il nostro percorso è iniziato con la compensazione 1/3 delle emissioni di CO2 generate dall’attività del laboratorio, per poi condurci nel 2010 ad assorbire il 100% delle nostre emissioni proseguendo su questa strada fino ad oggi. In questi 8 anni abbiamo contributo alla creazione e tutela di una media annuale di oltre 472 mila mq di foresta in Costa Rica, pari a circa 45.600 parcheggi auto.
LifeGate ha scelto lo stato del Costa Rica per la sua eccezionale concentrazione di biodiversità: contiene infatti il4 per cento di tutte le specie viventi del pianeta anche se la sua superficie è pari solo allo 0,01 per cento delle terre emerse. Le recenti politiche ambientali orientate alla conservazione sono state coraggiose e hanno ridotto al minimo l’impatto umano sull’ambiente. L’attività di deforestazione che ha devastato il territorio negli ultimi 60 anni è stata infatti arginata e grazie a questa inversione di tendenza, il 27% del territorio del Costa Rica è attualmente costituito da aree protette

Guna-_2015

Inoltre, da alcuni anni, compensiamo anche le emissioni di CO2 generate per l’attività dei nostri server e dei nostri siti internet, grazie alla partnership con LifeGate.

Zero Impact® Web è un progetto che nasce infatti con l ́obiettivo di ridurre e compensare le emissioni di anidride carbonica derivanti dall ́utilizzo della rete internet, il cui funzionamento consuma sempre non poca energia.

Il progetto vuole promuovere una maggiore sensibilità ambientale presso i propri stakeholder, con la consapevolezza che solo un atteggiamento più rispettoso dell’ambiente può contribuire a rallentare il processo di riscaldamento globale del pianeta, che negli ultimi anni ha raggiunto livelli record.

Lifegate-Web-certificato-2015A sostenerlo è l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMN) secondo cui, nonostante gli sforzi dei Paesi più sensibili e dei cittadini più consapevoli, biossido di carbonio (CO2) e metano (Ch4) hanno raggiunto livelli di concentrazione mai registrati prima d’ora, con una possibile inversione di tendenza che appare come un traguardo irraggiungibile.

Non tutti sanno, ad esempio, che anche le normali e-mail inquinano, e non poco, come rivela una recente ricerca realizzata da Ademe – Agenzia francese per l’Ambiente e la Gestione dell’Energia – secondo cui 8 email emettono tanta CO2 quanto quella prodotta da un’auto che percorre 1 km. Ogni volta che si utilizza il web lasciamo una “impronta ambientale”, perché le diverse email prima di raggiungere i destinatari finali passano attraverso più server, quasi sempre in paesi diversi, con più passaggi che richiedono l’utilizzo di energia e quindi la produzione ed emissione di CO2 in atmosfera.

Internet, in questi anni, ha già fatto molto per ridurre le emissioni, annullando le distanze ed eliminando così inutili spostamenti e relativi consumi, oppure rendendo fruibili contenuti che prima necessitavano di essere sistematicamente stampati, ma il dispendio energetico dei server che permettono ai siti internet di funzionare resta decisamente elevato.

“L’adesione a questa iniziativa ci dà la possibilità di valorizzare il nostro percorso di sostenibilità comunicandolo al meglio, ma soprattutto – concretamente – di compensare le emissioni di CO2 causate dalla nostra attività sul web. Sotto questo aspetto si può fare molto, e un sito internet a ‘Impatto Zero®’ può essere un buon punto di partenza, anche per generare maggior consapevolezza e attenzione da parte delle aziende”, ha commentato Alessandro Pizzoccaro, Presidente del CdA di GUNA S.p.a. e fondatore dell’azienda.

 

NEWS ULTIM’ORA!

Lifegate  – da anni nostro partner per i progetti di riduzione dell’impatto ambientale – ci scrive:

 

“Buongiorno a tutti, abbiamo condotto la valutazione di conguaglio che ha preso in esame i consumi effettivi sostenuti dal laboratorio di Via Palmanova 69 nel periodo 01/9/16 – 31/08/17, confrontandoli con quelli preventivati. Il risultato è un saldo positivo a vostro favore, il credito è generato da una generale riduzione dei consumi energetici. In allegato trovate il consueto verbale. Come per gli anni scorsi sono state adottate delle misure che ci hanno permesso di ridurre:
– il vostro impatto ambientale in termini di Kg di CO2 annui acquistando le Garanzie di Origine per il 100% del vostro fabbisogno energetico
– i costi di adesione a Impatto Zero® per rispondere alle vostre esigenze di budget proponendo un mix composto per il 60% da crediti di carbonio generati dal progetto forestale in Madagascar e il restante 40% da crediti generati di carbonio provenienti da progetti di efficienza energetica in India.
– le emissioni di CO2 che andremo a compensare quest’anno sono pari a 1.078.287kg di CO2 ( il dato finale tiene conto del credito maturato).

Resto a disposizione per chiarimenti,
Un caro saluto

Lo staff di LIFEGATE”

 

Per un dettaglio analitico sulle immissioni in atmosfera prodotte dai nostri stabilimenti, potete consultare questa pagina del Social Hub