Un’esperienza preziosa a quattro passi dai nostri uffici l’asilo “Sogno di bimbi”

ATTENZIONE: SOGNO DI BIMBI HA RICEVUTO LO SFRATTO ESECUTIVO E RISCHIA DI NON ESISTERE PIU’! GUNA s.p.a. HA LANCIATO UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE AL FINE DI SOLLECITARE LE AUTORIA’  A TROVARE UNA SOLUZIONE ADEGUATA PER OSPITARE QUESTI BAMBINI. SI PUO’ SOSTENERE L’INIZIATIVA INNANZITUTTO CONDIVIDENDO SUI SOCIAL L’HASHTAG #majorinosalvacitu

 

In questo articolo  tutti i dettagli e  in questo video la storia dell’Asilo in 4 minuti: informati e aiuta Sogno di Bimbi a non morire!

 

 

Dall’introduzione al catalogo della mostra organizzata da GUNA per “Sogno di Bimbi”…

“Inizialmente, “Sogno di Bimbi” occupava un appartamento di 70 mq, poi è cresciuto, fino agli attuali 400 mq, ospitando sempre più bambini, che consumano i pasti in sede, svolgono attività manuali, ludiche e psicomotorie sotto l’occhio attento di pedagogisti ed educatori. I volontari vengono formati professionalmente, così da garantire alti standard di servizio, e nulla è affidato al caso, con lo scopo di creare un ambiente davvero accogliente e “a misura di bambino”.

Un piccolo paradiso, messo in pericolo dalla speculazione edilizia: il palazzo che ospita il centro verrà rifatto da cima o fondo e destinato a nuovi uffici ed appartamenti: per Sogno di Bimbi, che pure paga regolarmente un affitto, purtroppo non c’è più spazio. Gli appelli alle autorità istituzionali sono rimasti senza risposta: per questo noi di Guna abbiamo deciso – assieme ad altri attori sociali – di fare la nostra parte per lanciare l’allarme emergenza, e per raccogliere fondi per l’imminente trasloco.

La mostra “Sogno di Bimbi” – allestita all’interno del nostro stabilimento di Via Palmanova – si inquadra in queste attività, ed è stata possibile anche grazie alla disponibilità di un fotografo internazionale di grande talento – e umanamente straordinario – qual’è Julian Hargreaves, ritrattista specializzato in “celebrities” e collaboratore delle più note riviste di moda: dopo Richard Gere, Bob Sinclair, Laura Pausini, Katy Perry, Juliette Binoche, Nicole Kidman, Colin Firth, e molte altre “star”, Julian ha fotografato delle vere “celebrità”, i bambini di “Sogno di Bimbi”. Gli scatti raccolti in questo catalogo rendono testimonianza di quelli che a nostro avviso sono stati gli scatti più significativi.

La nostra speranza è che questo evento culturale possa essere utile per accendere ancor più i riflettori su un emergenza cittadina che rischia, principalmente a causa dell’indifferenza di alcuni, di pregiudicare il futuro di questi piccolissimo e preziosi uomini e donne, arrivati dai 4 angoli della Terra a Milano, città con una straordinaria tradizione di accoglienza.

Dimostriamo allora il nostro interesse concreto: aiutiamo a salvare l’esperienza di “Sogno di Bimbi”. Grazie a ognuno di Voi per ciò che potrà e vorrà fare.

sogno

Clicca per guardare lo shooting fotografico

Alessandro Pizzoccaro – Presidente del CdA di GUNA S.p.a.”

“Questo shooting è stata una esperienza nuova per me, vedere tutti questi bambini di nazionalità diverse che giocano insieme: i bambini sono innocenti, non vedono colori o razze o etnie… si abbracciano e baciano e giocano senza percepire differenze. Un bambino cinese gioca con una bambina russa, una bimba africana gioca con il messicano… Ebbene, se si vuole vedere il miglior esempio di come dovrebbero essere le Nazioni Unite, intese come popoli che vanno d’accordo e costruiscono qualcosa di importante assieme, questo è proprio il posto ideale per vederlo realizzato. Non c’è nulla di artefatto o costruito: quando entri qui, vedi questa realtà, esattamente così com’è, senza che nessuno l’abbia concertata o ‘sceneggiata’. Una realtà semplicemente straordinaria”

Julian Hargreaves, da una videointervista rilasciata il giorno dello shooting presso il centro “Sogno di Bimbi””

Già nel 2009 avevamo iniziato a sostenere l’asilo nido “Sogno di Bimbi“, che si trova a pochi passi dalla sede di GUNA di via Palmanova.

L’asilo accoglie bambini dai 12 mesi ai 3 anni: sono i figli di mamme sole con basso reddito, costrette a lavorare per mantenere se stesse e il proprio bambino. È un asilo coloratissimo, perché i bambini sono davvero di tutte le etnie: slavi, cinesi, arabi, africani, sudamericani… certamente crescendo così questi bimbi non avranno mai problemi di razzismo o integrazione!

Dal 2012 in avanti, abbiamo sostenuto l’asilo pagando rette annuali complete che hanno permesso ai bambini di frequentare l’asilo, lasciando le mamme libere di lavorare nelle ore diurne con la certezza di un accudimento del proprio bimbo all’altezza dei migliori standard possibili.

Alla coordinatrice dell’asilo viene inoltre resa disponibile gratuitamente una fornitura di 240 dosi di “Colostro Noni“, l’integratore GUNA consigliato per la profilassi influenzale stagionale dei più piccoli!

 

SCARICA IL RAPPORTO CHE MISURA IL RITORNO SOCIALE DELL’INVESTIMENTO DI GUNA IN QUESTO PROGETTO